Visita il nostro negozio elettronico all'indirizzo www.topoprogram.com per scoprire le nuove offerte e le promozioni e per ordinare i nostri prodotti direttamente online.

Ancora una volta i colleghi della Topoprogram vogliono crescere
insieme a te e mettono a disposizione i dati della propria base GPS
a chiunque ne avesse bisogno. Clicca qui per saperne di più.

Clicca qui per leggere

le istruzioni d'uso del Forum

   
Forum Topoprogram - Catasto
DEFINIZIONE COLLABENTE
Inviato da: Mfabio
Data: Thu,26/01/2006 - 10:21

salve a tutti. Ho cercato nel forum la definizione di Unità collabente e ho trovato una definizione. Nel mio caso però devo avere la definizione esatta. Sapete dirmi in quale circolare la posso trovare? ho cercato in internet ma non ho trovato niente. Grazie anticipatamente


Re: DEFINIZIONE COLLABENTE
Inviato da: CECY
Data: Thu,26/01/2006 - 10:59

non ho riferimenti normativi, ho solo questa descrizione (che ho preso dal sito del docfario, sito non uff...)

F/2 Unità collabenti. Si tratta delle unità che in parte o in toto sono inabitabili: unità parzialmente demolite, dirute, o che, in ogni caso, non producono reddito. Per queste unità è necessaria una relazione tecnica che sia breve, ma non lapidaria, contenente
i dati del tecnico dichiarante;
gli identificativi catastali dell'u.i.;
la descrizione dello stato dei luoghi, con particolare riferimento alle strutture, le dotazioni tecnologiche e lo stato di manutenzione;
documentazione fotografica (consigliabile, ma non obbligatoria).

Non è consentito dichiarare unità collabenti partendo da unità già denunciate, quindi è possibile presentare un'u.i. in F/2 solo con documenti di ACCATASTAMENTO, ma mai in variazione. Il solo modo di intervenire con DOCFA su u.i. divenute inagibili è la DEMOLIZIONE TOTALE.



Re: DEFINIZIONE COLLABENTE
Inviato da: stefano
Data: Thu,26/01/2006 - 18:04

ha presentato all'AdT in cui opero un docfa per una unità collabente (fabbricato diruto, ormai quasi solamente un ammasso di pietre) e il tecnico mi ha respinto la pratica sostentendo che si trattasse di un rudere e che quindi andava trattata solamente al Catasto terreni facendo una variazione con la qualità FABB DIRUTO. Il problema è che il fabbricato è diviso in subb e non esite la qualità FABB DIRUTO DIVISO IN SUB, ora mi trovo con il sub a partita 1 e non posso accatastarlo a Catasto Fabbricati, aspetto ancora una risposta dalla AdT






Spiacenti, solo gli utenti registrati possono postare in questo forum.
This forum powered by Phorum.